Versu balaninu

Corsica

 

U cusì dettu “versu balaninu” un ci l’avvia datu u tintu di Pipò de Mari, arresgistratu un Tagliu nantu una cassetta sparita da poi sfortunatamente . Era cantata a tre voci ma un ci era che una stuffata, (quella di a paghjella Bernardinu) e vistu chi tandu in Balagna nimu a cunniscia Nando Acquaviva dumandò à u so cuginu Angelo Simeoni di scrive e due altre. E cusì nasci una cosa nova. SSu cantu ha interessatu a Cumpagnia perchè musicalmente hè cumpostu nantu u “modu pellegrinu”, vale a di l’alternanza tra due toniche a un tonu di differenza, in modu di re e in modu di do.
Invece chi di “svegliati”, stampatu in u libru di Austin de Croze,ci eranu tutte e parolla ma una voce sola scritta. U bassu e a terza so stati ricustruite da Nando Acquaviva.” 

Toni Casalonga dal sito https://repertorium.voce.corsica/

Le voci separate che trovate qui sono state registrate per cercare di aiutarvi nella comprensione delle linee melodiche all’interno dell’ accordo. Il consiglio è quello di ascoltare sempre la traccia di riferimento o altre versioni del canto, reperibili online o ancora meglio dal vivo.

Registrazione del suono: Jean-françois Pontefract
Registrato a Pigna nel novembre 1986

Harmonnia Mondi HMC 1256 (1987) Corsica Chant Polyphonique

Sigonda – Nando Acquaviva
Terza – Toni Casalonga
Bassi – Jacky Quilichini, Jérôme Casalonga

Testo e traduzione

Cumu farà a campana
Chi devi sunà senza curona?

Cumu farà a Balagna
si a sicchia. ùn pardonna?

Quandu u focu è in campagna
E ch’a ciccona un sona

Cosa farà la campana/ Chi deve suonare senza corona? / Come farà la Balagna/ Se la siccità non perdona/ Quando il fuoco brucia la campagna/ E la ciccona non suona?