Fronna in stile pomiglianese

Campania

 

*nella registrazione originale integrale la fronna precede una tammurriata

“L’esecuzione ha inizio con alcune “fronne” composte da strofe fluide ed eterometriche alquanto libere e poco sta_ bilizzate, eppure, espresse stilisticamente secondo la prassi più consolidata e tradizionale.

I canti sul tamburo che seguono, si svolgono con l’organico strumentale d’accompagnamento al completo, e pre_ sentano la struttura musicale caratteristica di un’area circoscritta tra Pomigliano d’Arco e Ottaviano.

I cantori impiegano gli endecasillabi con ampia varietà, secondo le modalità esaminate nel capitolo sui linguaggi e le forme musicali. Da notare, infine, la caratterizzazione amebea che assume l’ultima parte dell’esecuzione, quan_ do, come abbiamo già detto, nel cantare si alternano due persone, ciascuna seguendo i distici di un proprio strambotto proposto. Assistiamo, insomma, a un fenomeno di intertestualità di cui abbiamo già parlato nel paragrafo “Dell’improvvisazione”.

Le linee melodiche si presentano alquanto variate, con incipit a volte sulla dominante, a volte sulla tonica. Tuttavia, la caratterizzazione formale e un singolare repertorio di strambotti connotano l’identità stilistica dei pomighanesi che si recano al Santuario della Madonna di Castello, dal sabato dopo Pasqua per un lungo periodo di festeggiamenti.”

 

Roberto De Simone in “Son sei sorelle. Rituali e danze della tradizione in Campania. “

Registrato a Pomigliano D’Arco — Ottaviano (Napoli), 1976

Voci: Tonino Esposito, Gabriele Sano, Pasquale Ambrosio

Testo e traduzione

Fronna r’ ‘o limone so’ belle so’ belle so’ bell’ ‘e vase r’ ‘e nnammurate
stasera nun è cosa rimane ‘assera i’ te ne rongo na quantità

Fronn’ ‘e limone e ‘o limone e ‘o pertuvallo
risponn’ ‘o mandarìnelo ch’ è cchiù ddoce “‘O meglio spìculo ‘o rammo ‘a nnammurata”

Fronn’ ‘e limone i’ nu quarteniello m’ aggio fatto
cu nu ciardeniello attuorno tengo piantat’ ‘e rrose e ‘e sciur’ ‘e Maggio

Fronna r’ ‘o limone aieressera passaie pe’ ffora ‘o campusanto
e llà nce steva na piant’ ‘e rose ‘a coppa ce steveno scritte rui’ nomme belle r’ ‘e nnammurate

Fronn’ ‘e limone e quanta figlie belle teneva sta mamma
so’ tutte zitelle e un’ ‘e chelle m’ aggi’ ‘a spusare

Fronna ch’ è ssempe fronna r’ ‘o limone Maronna ‘a mamma nun m’ ‘a vo’ ra’
ha ritto ch’ è piccerella “Aspiettela ‘e quinnice anne”

Fronna r’ ‘o limone ue’ nuie simmo una famiglia
ue’ chi ce ‘a tène ‘a voce chillo ce canta

 Fronna di limone,/ sono belli i baci degli innamorati./ Stasera non mi è possibile,/ domani sera io te ne dò in gran quantità.// Fronna di limone,/ e il limone e l’arancio./ Risponde il mandarino ch’è più dolce:/ — Il migliore spicchio lo diamo all’innamorata.// Fronna di limone,/ mi son fatto un appartamentino/ con un giardinetto intorno./ Vi ho piantato le rose e i fiori di Fronna di limone,/ ieri sera passai fuori del cimitero./ Lì c’era una pianta di rose,/ su cui erano scritti due nomi di innamorati.// Fronna di limone,/ quante figlie belle aveva questa madre!/ Sono tutte zitelle/ e con una di loro voglio sposarmi.// Fronna ch’è sempre fronna di limone,/ oh Madonna, la madre non me la vuole dare./ Ha detto che è ancora piccola./ — Attendi che compia quindici anni.// Fronna di limone,/ noi siamo una sola famiglia/ Chi ha buona voce,/ quello canta.//