Versu balaninu

Corsica

 

U cusì dettu “versu balaninu” un ci l’avvia datu u tintu di Pipò de Mari, arresgistratu un Tagliu nantu una cassetta sparita da poi sfortunatamente . Era cantata a tre voci ma un ci era che una stuffata, (quella di a paghjella Bernardinu) e vistu chi tandu in Balagna nimu a cunniscia Nando Acquaviva dumandò à u so cuginu Angelo Simeoni di scrive e due altre. E cusì nasci una cosa nova. SSu cantu ha interessatu a Cumpagnia perchè musicalmente hè cumpostu nantu u “modu pellegrinu”, vale a di l’alternanza tra due toniche a un tonu di differenza, in modu di re e in modu di do.
Invece chi di “svegliati”, stampatu in u libru di Austin de Croze,ci eranu tutte e parolla ma una voce sola scritta. U bassu e a terza so stati ricustruite da Nando Acquaviva.” 

Toni Casalonga from https://repertorium.voce.corsica/

The separate voices found here have been recorded to try to help you understand the melodic lines within the chord. The advice is to always listen to the reference track or other versions of the song, which can be found online or even better live.

Sound recording: Jean-françois Pontefract

Recorded in Pigna in November 1986

Harmonnia Mondi HMC 1256 (1987) Corsica Chant Polyphonique

Sigonda – Nando Acquaviva

Terza – Toni Casalonga

Bassu – Jacky Quilichini, Jérôme Casalonga

Text and translation

Cumu farà a campana
Chi devi sunà senza curona?

Cumu farà a Balagna
si a sicchia. ùn pardonna?

Quandu u focu è in campagna
E ch’a ciccona un sona

What will the bell/ Who must ring without a crown? / How will Balagna do/ If the drought does not forgive/ When the fire burns the countryside/ And the ciccona does not play?